Che cos’è un Evento?

Ho una domanda da porvi: secondo voi che cos’è un Evento?

Molti pensano che sia solo qualcosa di ludico, divertente, magari un concerto, una serata in discoteca o un party in spiaggia… Si, avete ragione, è anche questo ma non solo. Mi piacerebbe sfatare il mito che, chi lavora nel mondo degli eventi, passi la propria vita solo a divertirsi, conoscere persone, viaggiare.

Beh, sicuramente non posso negare sia un lavoro dinamico, ma ammetto che è anche molto stancante e spesso ci vuole una certa dose di self control per far sì che tutto vada per il verso giusto.

Ma esattamente che cos’è un Evento e quali sono le diverse tipologie? Andiamo a scoprirlo insieme.

Che cos’è un Evento e quali sono i più Comuni e Rilevanti?

L’Evento è uno strumento di comunicazione, secondo Getz, una

celebrazione pubblica tematizzata

che va distinto dagli eventi speciali, visti come una

opportunità per fare un’esperienza di divertimento o di piacere, sociale o culturale, al di fuori della normalità e delle esperienze di tutti i giorni“.

Secondo Sonia Ferrari, gli Eventi sono:

“avvenimenti, programmati o meno, che hanno una durata limitata e che nascono con una specifica finalità”.

Gli Eventi, quindi sono sì strumenti di comunicazione ma anche strumenti di Marketing il cui scopo è quello di generare o aggiungere valore a un brand ma anche ad una zona geografica grazie ad azioni di tipo emozionale ed esperienziale.

Notte Rosa
Photo by Pxhere https://pxhere.com/

Pensate alle opportunità di sviluppo e di valorizzazione di un territorio, che un evento può apportare.

Molti territori, infatti, sono diventati mete turistiche grazie alla presenza di festival, eventi sportivi, eventi musicali.

Getz (1997) ha cercato di individuare otto categorie di eventi pianificati:

Gli Eventi possono essere classificati in base alla loro Dimensione

  • Mega Events: attraggono un enorme numero di visitatori e ottengono moltissima attenzione da parte dei media oltre che avere un fortissimo impatto, in termini economici e di visibilità, sulle località che li ospitano. Pensate alle Olimpiadi o ai Mondiali di Calcio.
  • Hallmark Events: mirano a promuovere, oltre che l’evento in sè, anche la località che li ospita incrementando l’appeal di specifiche destinazioni turistiche. Ad esempio il Carnevale di Venezia, il Palio di Siena, Umbria Jazz.
Umbria Jazz 2014
Foto by Carlo “Granchius” Bonini via Flickr
  • Major Events: quegli eventi che, grazie alla loro dimensione e all’interesse generato nei media, sono capaci di attrarre un ampio pubblico oltre che generare benefici economici consistenti. Rientrano in questa categoria i maggiori eventi sportivi che presuppongono l’esistenza di una competizione a livello internazionale e che sono caledarizzati.
  • Minor Events: tipici eventi locali che, se ripetuti nel tempo, possono trasformarsi in Hallmark Events. Oltre che realizzati per il loro valore sociale e di intrattenimento, possono essere uno strumento per aiutare le comunità a venire a contatto con nuove culture, nuove idee ed esperienze.

Classificazione per Forma e Contenuto

Oltre che per dimensione, gli eventi possono essere classificati in base alla Tipologia:

  • Eventi Sportivi: anche questi divisi a loro volta in Mega Events (Olimpiadi), Eventi a Calendario (Misano), One Off (eventi che accadono una sola volta in una determinata località: Coppa America), Showcase (manifestazioni che spettacolarizzano uno sport per renderlo più popolare)
Fuochi d'artificio negli anelli olimpici. Momento saliente durante la cerimonia di apertura dei Giochi olimpici invernali 2006 a Torino, in Italia. Photo by Shealah Craighead
Fuochi d’artificio negli anelli olimpici. Momento saliente durante la cerimonia di apertura dei Giochi olimpici invernali 2006 a Torino, in Italia. Photo by Shealah Craighead
  • Eventi Culturali: (i miei preferiti!) Festival Artistici, Eventi locali legati all’enogastronomia, Eventi a calendario come le manifestazioni Religiose, Festival di Musica. 
  • Eventi di Business: (Quelli per cui lavoro più spesso) Conferenze, Convegni, Exhibitions, Eventi Aziendali, Viaggi Incentive, Exhibition, Expo. Questi si dividono, a loro volta, in: 
  1. Eventi per la comunicazione interna: nei quali fanno parte le Assemblee, Convention, Meeting, Seminari, Team Building, Viaggi Incentive
  2. Eventi per la comunicazione esterna: Congressi, Conferenze, Convegni, Fiere, Road Show, Tavola Rotonda.

In questo articolo potete leggere quelle che sono le differenze tra i vari tipi di eventi aziendali: Che Differenza c’è tra Congresso, Meeting, Convention?

Ulteriori Classificazioni degli Eventi:

Classificare gli eventi anche in base alla cadenza temporale, al target, al livello di attenzione da parte dei media, è utile perché influisce sulle scelte strategiche e sui modi di gestione delle manifestazioni che, pur presentando caratteristiche simili, sono diverse sia nell’organizzazione che nella programmazione, oltre che avere impatti differenti sul territorio in cui vengono organizzati.

Gli eventi possono essere analizzati in un’ottica di marketing territoriale, intendendo l’evento come uno degli strumenti utilizzati da un territorio per migliorare o riposizionare la propria immagine, attrarre flussi turistici, valorizzare le proprie risorse e attivare processi di sviluppo.

Per il momento mi soffermo qui.

Spero, come sempre, di esservi stata utile e che questo post sia un inizio di lettura per tutti coloro che hanno voglia di  progettare e realizzare qualcosa di bello per sè stessi e per gli altri. 

Se avete dubbi, curiosità o domande non esitate a scrivermi un commento.

Vi risponderò con piacere 🙂

Per collaborazioni invece scrivetemi a:

info@angelapizzi.it